Frosinone – All’Università importante convegno su ” Turismo del grano e della pasta “

33

“Turismo del grano e della pasta”, nel polo Unicas di Frosinone un evento a tema con esperti e rappresentanti istituzionali come l’Assessore Regionale all’Agricoltura, Giancarlo Righini e il Commissario Straordinario di Arsial Massimiliano Raffa.

L’evento-convegno “Il turismo del grano e della pasta. Esperienze di biodiversità dal campo al palato”, è stato organizzato da Regione Lazio, Arsial e Discover Place.

La manifestazione era tesa a promuovere il concetto di Turismo del Grano come nuova frontiera nell’ambito del turismo sostenibile e della valorizzazione del patrimonio agricolo locale, aprendo il territorio a nuove forme di turismo enogastronomico. Le radici di questa iniziativa risiedono in uno studio approfondito condotto da Discover Place, sul potenziale dei grani antichi come strumento per lo sviluppo turistico e la valorizzazione delle aree rurali del Lazio.

L’evento ha visto la partecipazione di esperti del settore agricolo e di marketing territoriale, oltre a rappresentanti istituzionali e operatori della filiera. Nel corso del convegno è stato presentato lo studio per un corso di degustazione sul grano ispirato ai modelli del vino e della birra ed è stato assegnato, grazie al contributo di Arsial, il Premio “Itinerari del Grano: esperienze di biodiversità dal campo al palato”, pensato per valorizzare le migliori tesi di laurea sul tema della biodiversità agricola.

L’Assessore Righini: «Un’opportunità per la promozione di territori ricchi di storia e di tesori gastronomici»
Lo scopo dell’evento è quello di supportare la candidatura della cucina italiana all’Unesco e il progetto valorizza tutti i piccoli agricoltori che custodiscono la biodiversità del Lazio, trasformandola in un’esperienza gustativa riservata a pochi curiosi. C’è da considerare che in Italia e nel Lazio ci sono oltre 2mila varietà di grani antichi: la Ciociaria è una delle protagoniste con una storia cerealicola straordinaria.
Spesso i grani antichi sono coltivati in piccoli apprezzamenti di terreno, spesso in aree minori di grande fascino naturalistico, con una produzione che arriva a malapena a 10ql ad ettaro, spesso in parte mangiata dai cinghiali. La loro coltivazione non è conveniente per le grandi produzioni, ma è un’esperienza unica per il palato e può favorire la multifunzionalità delle imprese e attrarre nuove forme di turismo legato ai grani.
«Il Turismo del Grano rappresenta un’opportunità senza precedenti per il nostro territorio, ricco di storia e di tesori gastronomici. Come Assessore sono entusiasta di vedere il crescente interesse per questa forma innovativa di turismo, che non solo celebra le nostre tradizioni agricole, ma offre nuove prospettive di sviluppo economico per le nostre comunità rurali, proprio come sta accadendo per l’eno-oleoturismo, che di recente la Regione ha disciplinato. L’impegno congiunto di istituzioni e operatori del settore può trasformare anche il Turismo del Grano in una risorsa preziosa per i territori, innescando un circolo virtuoso di crescita, capace di unire tradizione, innovazione e sostenibilità ambientale».
Lo ha dichiarato l’assessore al Bilancio, alla Programmazione economica, all’Agricoltura, alla Sovranità alimentare, alla Caccia e alla Pesca e ai Parchi e alle Foreste della Regione Lazio, Giancarlo Righini.
«Il Turismo del Grano o dei cereali rappresenta un’opportunità straordinaria per esplorare le radici profonde della nostra cultura agricola. Questo connubio tra tradizione e sostenibilità offre un’esperienza unica, che ci permette di apprezzare non solo la bellezza dei paesaggi rurali, ma anche la ricchezza della nostra biodiversità agricola, che Arsial, nella sua veste di Agenzia pubblica, è chiamata a tutelare e valorizzare. Le possibilità di sviluppo legate al turismo del grano sono enormi. Includono l’organizzazione di visite guidate la creazione di esperienze culinarie e la promozione di prodotti locali. Arsial è fermamente impegnata nel promuovere questa forma innovativa di turismo, che non solo valorizza le nostre antiche varietà di frumento, ma anche le comunità agricole che le coltivano con cura e dedizione, trasformando la tradizione in opportunità di crescita».
Ha aggiunto il Commissario straordinario di Arsial, Massimiliano Raffa
«Ancora una volta siamo protagonisti insieme alle realtà più dinamiche e virtuose del territorio per promuovere e valorizzare lo sviluppo rurale e il turismo sostenibile attraverso le aziende “agricole”, che rappresentano la nostra più grande ricchezza. Gli “itinerari del grano” andranno a sostanziare la “dieta mediterranea” che l’UNESCO propone come patrimonio dell’umanità».
Ha evidenziato il rettore dell’Università di Cassino e del Lazio Meridionale, Marco dell’Isola.

Alessandra Trotta ( Giornalista e Scrittrice)


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedente“Benefici economici tangibili”, il sindaco Mosca commenta i dati riportati dalla casa di produzione della serie Netflix girata a Sabaudia
Articolo successivoCome sta la Terrazza Mascagni