La Cassazione respinge il ricorso presentato dalla difesa di Liliane Murekatete che resta ai domiciliari

44

Resta agli arresti domiciliari Liliane Murekatete, moglie del deputato Soumahoro, sottoposta dallo scorso ottobre alla misura restrittiva per l’inchiesta sullo scandalo dell’accoglienza. I giudici della Corte di Cassazione hanno respinto il ricorso presentato dalla difesa della moglie del deputato Soumahoro. Nei giorni scorsi si era svolta l’udienza e la Suprema Corte si è pronunciata. Il legale della donna aveva chiesto l’annullamento e in sub ordine la sostituzione della misura cautelare degli arresti domiciliari sulla scorta di una serie di elementi. Quando si conosceranno le motivazioni sarà tutto più chiaro. Il procedimento è quello relativo all’auto riciclaggio, alla bancarotta e alla frode nelle pubbliche forniture. Per il processo relativo alle spese pazze lo scorso 4 aprile il giudice del Tribunale di Latina Giulia Paolini, ha disposto il rinvio a giudizio per l’11 giugno davanti al secondo collegio penale del Tribunale.
In questa tranche oltre a Lady Soumahoro, è imputata anche la madre Marie Therese Mutkamisindo e Michel Rukundo, rispettivamente suocera e cognato del parlamentare. Gli altri imputati sono: Michel Rukundo e poi Aline Mutesi mentre per Richard Mutanga è stato disposto lo stralcio perchè irreperibile e l’udienza dal gup per lui è fissata il 28 giugno. L’inchiesta era stata condotta dai pm Miliano, D’Angeli e dal Procuratore de Falco. Il prossimo 23 aprile è fissata invece l’udienza per il reato di evasione fiscale in quel caso il provvedimento del gip era stato emesso nel dicembre del 2022.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteSoddisfazione del presidente del centro studi Nello Ialongo per l’elezione del direttore del Parco del Circeo
Articolo successivoRitorna in Corte d’Assise d’Appello il processo per l’omicidio di Desirèe Mariottini