ANZIO – Dopo i primi due tempi che lasciavano presagire un risultato positivo, la squadra anziate ha subito il ritorno di quella milanese, la quale ha recuperato ed è riuscita a far suo l’incontro nonostante il tentativo di rimonta degli ospiti. Ora testa al Salerno, in un altro scontro diretto sabato prossimo ad Anzio.

WP MILANO METANOPOLI-ANZIO WATERPOLIS 9-8

(0-3, 3-2, 4-1, 2-2)

WP MILANO METANOPOLI: F. Cubranic, A. Perez 2, S. Andryukov, N. Tononi 1, N. Ficalora, M. Caravita, T. Scollo 1, P. Kasum 4, Superchi, T. Busilacchi, E. Novara, G. Lanzoni 1, A. Mellina Gottardo. All. Krekovic

ANZIO WATERPOLIS: A. Antonini, G. Siani, C. Gandini, L. Di Rocco 1, A. Giorgetti 1, A. Grossi 1, N. Fratarcangeli, A. Mironov 1, F. Lapenna 2, A. Cunko, G. Casasola, D. Presciutti 2, G. Vassallo. All. Tofani

Arbitri: Colombo di Como e Schiavo di Palermo

Note: Usciti per limite di falli Andryukov (M) e Perez (M) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Milano 4/10 e Anzio 5/11

«Una sconfitta che brucia per come è maturata» ha sottolineato coach Roberto Tofani: «Siamo partiti giocando bene e con attenzione fino al 5 a 1. Poi abbiamo subito il loro ritorno, senza riuscire a finalizzare in fase di superiorità nei momenti decisivi. Tra terzo e quarto tempo abbiamo accusato la loro maggiore freschezza, senza riuscire a reagire come fatto in altre occasioni. Complimenti a loro».

«Abbiamo perso un’occasione» ha invece asserito il presidente Damiani: «Non siamo riusciti ad allungare quando potevamo farlo ma, nulla e’ cambiato in termini di classifica per il nostro obiettivo. Ci rifaremo presto e continueremo il nostro percorso».


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.