Basket amarcord, Roberto Mausoli era il cestista che sapeva giocare in tutti i ruoli

102

ROBERTO MAUSOLI, il cestista a quota settanta. Anni, naturalmente. E’ stato uno dei giocatori più amati a Latina duranti gli anni dorati del boom del cesto, era molto popolare grazie a cordialità e gentilezza. Non gli piaceva apparire ma Robertone o Il Ghega – questi i suoi nomignoli – era un vero cruccio per gli avversari di turno. Il giocatore che da post alto si trasformo’ in playmaker. Nella pallacanestro italiana in tanti hanno compiuto questo percorso, il più famoso è Paolo Vittori – ex Ignis Varese – che da pivot passò a giocare prima ala, poi play. Anche Marcello Zanda – nato cestisticamente nel Cos – ha compiuto questo percorso. Mausoli cominciò a tirare a canestro all’ Oratorio Salesiano Don Bosco – partendo dalla sua abitazione in via Adua – nelle partitelle pomeridiane tre contro tre, accanite sino a tarda ora. Fu notato con piacere dai validi talent scout dell’Ab Latina che lo inserirono nella squadra Cadetti, poi con gli Juniores disputò le finali nazionali a Castelfranco Veneto nel 1972. In maglia nerazzurra ha conquistato nel 1975 la promozione in serie B, nel 1979 bissò con la canotta della Sicma Sud. I suoi allenatori Gianni Gatti, Angelino Muzio e Luciano Marinelli hanno sempre creduto nel lavoro spesso poco appariscente in campo del buon Roberto, dotato di ottimi fondamentali individuali, nella sua spiccata intelligenza tattica. Nella Sicma Sud il compito principale era di regista bravo nel mantenere il possesso di palla nei minuti finali, con acume tattico, visione di gioco e protezione del pallone davanti ad avversari pressanti.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteGuido Valori si candida alle presidenza della Federbasket
Articolo successivoTerracina. Sicurezza stradale, sopralluogo con l’Anas sull’Appia in località Barchi
Paolo Iannuccelli è nato a Correggio, provincia di Reggio Emilia, il 2 ottobre 1953, risiede a Nettuno, dopo aver vissuto per oltre cinquant'anni a Latina. Attualmente si occupa di editoria, comunicazione e sport. Una parte fondamentale e importante della sua vita è dedicata allo sport, nelle vesti di atleta, allenatore, dirigente, giornalista, organizzatore, promoter, consulente, nella pallacanestro. In carriera ha vinto sette campionati da coach, sette da presidente. Ha svolto attività di volontariato in strutture ospitanti persone in difficoltà, cercando di aiutare sempre deboli e oppressi. É membro del Panathlon Club International, del Lions Club Terre Pontine e della Unione Nazionale Veterani dello Sport. Nel basket è stato allievo di Asa Nikolic, il più grande allenatore europeo di tutti i tempi. Nel giornalismo sportivo è stato seguito da Aldo Giordani, storico telecronista Rai, fondatore e direttore della rivista Superbasket. Attualmente è presidente della Associazione Basket Latina 1968. Ha collaborato con testate giornalistiche locali e nazionali, pubblicato libri tecnici di basket e di storia, costumi e tradizioni locali Ama profondamente Latina e Ponza, la patria del cuore.