Basket. Benacquista, ufficiale Ivan Alipiev è un nuovo giocatore nerazzurro.

36

La Benacquista Assicurazioni Latina Basket è lieta di annunciare ufficialmente di aver siglato un accordo con l’atleta bulgaro Ivan Alipiev.
Alipiev, ala classe 1999 per 203 cm di altezza e 98 kg di peso, reduce dalla partecipazione agli Europei 2022 con la maglia della Nazionale della Bulgaria, è alla sua prima esperienza in Italia, ma ha disputato il precampionato con i Traiskirchen Lions, formazione che partecipa al massimo campionato austriaco e alla competizione europea Eurochallenge.
Ivan ha studiato negli Stati Uniti, in California, laureandosi alla Loyola Marymount University di Los Angeles, dove è cresciuto cestisticamente acquisendo sempre maggiori responsabilità in squadra e diventando uno dei preferiti dai tifosi. Nella sua ultima stagione con i LMU Lions, il gigante di 203 cm ha realizzato 7 punti, 3,5 rimbalzi e 1,4 assist di media a partita.
Nel suo percorso cestistico anche numerose convocazioni con la Nazionale Bulgara Under 16, Under 18, Under 20 fino alla Nazionale maggiore con cui ha disputato gli europei.
A Ivan, va il benvenuto in casa nerazzurra e un sincero e caloroso in bocca al lupo, per questa esperienza con la maglia della Benacquista Assicurazioni Latina Basket, da parte del Presidente Commendator Lucio Benacquista e di tutta la società pontina.
«Latina rappresenta una grande opportunità per me e io sono pronto a mettermi in gioco».
Ivan, questo è il tuo primo campionato in Italia, cosa ne pensi del nostro Paese? Lo hai mai visitato prima d’ora?

«Sono già stato a Bologna e Rimini per fare dei tornei e dei provini, ma è la prima volta che vengo in Italia per giocare da professionista. Ed è la prima volta con delle opportunità più grandi e ne sono molto contento. Non ci sono mai stato come turista, anche se è una cosa che vorrei fare. Ho sentito parlare della città in passato, perché guardo tanto calcio. Credo che questa esperienza a Latina sia una buona opportunità per il mio futuro, sono emozionato all’idea di conoscere i miei nuovi compagni di squadra e sono pronto ad affrontare la stagione. Sono davvero felice di essere qui».

Ti sei già fatto un’idea del Campionato di Serie A2 italiano?

«Ho parlato con alcuni ex giocatori in Bulgaria e con il mio agente e tutti mi hanno detto che è una Lega importante, un’esperienza rilevante che dà una buona visibilità per il futuro. E’ una Lega in cui la fisicità ha un ruolo di rilievo ed è necessario essere pronti per affrontarla. Sono emozionato all’idea di iniziare e credo di essere pronto, ora vedremo cosa ne pensano gli allenatori e gli altri giocatori. Sicuramente io sono pronto a mettermi in gioco».


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteA Gaeta si parla di economia sostenibile e sviluppo del territorio tra terra e mare, il convegno promosso da Avvenire
Articolo successivoAnna Politkovskaja e il suo impegno civile in scena al Teatro Ponchielli di Latina
Paolo Iannuccelli è nato a Correggio, provincia di Reggio Emilia, il 2 ottobre 1953, risiede a Nettuno, dopo aver vissuto per oltre cinquant'anni a Latina. Attualmente si occupa di editoria, comunicazione e sport. Una parte fondamentale e importante della sua vita è dedicata allo sport, nelle vesti di atleta, allenatore, dirigente, giornalista, organizzatore, promoter, consulente, nella pallacanestro. In carriera ha vinto sette campionati da coach, sette da presidente. Ha svolto attività di volontariato in strutture ospitanti persone in difficoltà, cercando di aiutare sempre deboli e oppressi. É membro del Panathlon Club International, del Lions Club Terre Pontine e della Unione Nazionale Veterani dello Sport. Nel basket è stato allievo di Asa Nikolic, il più grande allenatore europeo di tutti i tempi. Nel giornalismo sportivo è stato seguito da Aldo Giordani, storico telecronista Rai, fondatore e direttore della rivista Superbasket. Attualmente è presidente della Associazione Basket Latina 1968. Ha collaborato con testate giornalistiche locali e nazionali, pubblicato libri tecnici di basket e di storia, costumi e tradizioni locali Ama profondamente Latina e Ponza, la patria del cuore.