LATINA – Si è rischiato di avere un nuovo impianto di compostaggio ed un altro Tmb a Borgo Montello, ma il Tar ha bloccato l’eventualità.

La storia è abbastanza complessa e gli attori in ballo variegati. Da una parte la società che stava realizzando l’impianto all’interno della discarica, dall’altra la Regione e il Comune che in un primo momento nonostante la comunicazione di avvio lavori avevano taciuto e poi, dopo la segnalazione di un altro stakehoder, hanno dovuto diffidare per le vie formali chi stava realizzando l’impianto.

A quel punto è partito il ricorso al Tar da parte della società interessata per la sospensiva delle diffide regionali e comunali. Ma il TAR, nel quale procedimento è intervenuta ad adiuvandum anche l’impresa che aveva segnalato la situazione, ha negato la sospensiva bloccando di fatto la realizzazione del nuovo mega impianto.

Una storia a lieto fine ma che avrebbe potuto andare in maniera differente se Comune e Regione avessero continuato a non vedere quello che stava accadendo a Borgo Montello, un sito che ricordiamo, da verbale del 07.05.2020 di Arpa Lazio è risultato inquinato.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.