LATINA – “Il futuro del turismo passa dai borghi”. E’ chiaro il messaggio di Annalisa Muzio, candidata alle regionali per Forza Italia, e da sempre grande sostenitrice della ricchezza rappresentata dai borghi. Un lavoro costante, fatto come presidente di associazioni e come consigliere comunale, sul territorio di Latina dove i borghi rappresentano la storia della città. Ma la provincia di Latina è piena di esempi di borghi bellissimi alcuni ancora poco conosciuti e fuori dalle mete turistiche.

“I borghi sono la nostra storia – afferma Annalisa Muzio – e come tale vanno valorizzati, riqualificati e rilanciati per quanto riguarda il turismo. 11 borghi in provincia di Latina, e poi quelli di Cisterna, Pontinia, Sabaudia, San Felice Circeo, Terracina, Sperlonga, Gaeta, Fondi, Cori e Fossanova, solo per citarne alcuni, a testimonianza di quanto il territorio della provincia di Latina sia uno scrigno dal valore inestimabile. Ma per incentivare il turismo nei borghi e per riqualificare alcune aree  – aggiunge Annalisa Muzio – la Regione deve svolgere un ruolo fondamentale. Promozione turistica e azioni strategiche di marketing territoriale per valorizzare la conoscenza delle nostre eccellenze territoriali, le bellezze, le tipicità, le tradizioni e l’enogastronomia. Grazie a propri bandi e contributi regionali, ma anche grazie a fondi in arrivo con il PNRR – aggiunge Annalisa Muzio – bisogna pensare ad un rilancio dell’intero settore che ha un potenziale enorme ancora tutto da scoprire. Programmazione di azioni per un turismo sempre più sostenibile che è certamente un trampolino di lancio in grado di valorizzare le bellezze paesaggistiche e culturali del nostro territorio. E che il turismo sia un volano importante per l’economia lo dicono i dati: la filiera del turismo in Italia è ripartita. Il 2022fa notare la candidata al consiglio regionale – si è chiuso sfiorando i 400 milioni di presenze turistiche,con un balzo del +38,2% sul 2021 (dati Assoturismo – CST).

Nel 2017 il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo proclamava come il turismo nei borghi avesse fatto registrare il 36% dell’afflusso turistico totale italiano, con un trend in costante crescita del 3% annuo per il 2018 e il 2019 prima dello stop imposto dal Covid. I turisti mossi dal desiderio di scoprire storia e tradizioni legate ai borghi – aggiunge ancora Annalisa Muzio – sono gli stessi che si dimostrano attenti ad un turismo sostenibile e rispettoso dell’ambiente. E sono soprattutto i giovani a prediligere mete di viaggio usando mezzi di trasporto a basso impatto ambientale e facendo scelte culinarie all’insegna dei prodotti a km 0 e di acquisti consapevoli orientati al sostentamento dell’artigianato locale.

E allora perché una provincia come la nostra che può contare su questo immenso patrimonio con borghi bellissimi, in montagna o affacciati sul mare, non inizia seriamente a mettere in campo tutte le strategie possibilI per attirare questo tipo di turismo? Perché – fa notare la Muzio – c’è bisogno di fare sistema tra pubblico e privato, tra associazioni di categoria e Camera di Commercio, tra Comuni, Provincia e Regione. Tutti gli sforzi fatti fino ad oggi non sono riusciti a produrre un granché in termini di aumento di presenze e questo perché tutti hanno pensato di potere fare da soli. Non si può più pensare di lavorare ad un così grande progetto ognuno per conto suo. La politica – commenta la candidata di Forza Italia – ha il compito di fare da collante tra tutti i soggetti interessati al rilancio di questa provincia che tanto ha, in termini di ricchezze, e a cui tanto ancora manca per fare quel passo in avanti necessario ad essere inserita in percorsi turistici virtuosi soprattutto per i tanti turisti che soggiornano a Roma e Napoli.

Un uso ottimale delle risorse ambientali, paesaggistiche e storiche e la rinascita dell’artigianato e delle tradizioni locali, anche quelle culinarie, sono oggi possibili. Il Lazio può essere la destinazione turistica capofila di un’Italia ancora in parte inesplorata e i borghi rappresentano, certamente, destinazioni alternative per chi sceglie itinerari di vacanza fuori dalle rotte commerciali. E allora – conclude Annalisa Muzio – mettiamo insieme le offerte dei vari Comuni, le necessità di artigiani, ristoratori, albergatori e commercianti cercando di rendere appetibile la provincia di Latina e le sue tante bellezze. I borghi e le loro attività possono aspirare a equiparare l’offerta turistica delle grandi città con tutti i vantaggi della lontananza dal caos. Ma soprattutto i borghi possono costituire una concreta risorsa per risollevare l’economia e le sorti dei piccoli e medi comuni e delle loro attività”.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.