La dichiarazione congiunta del capogruppo consiliare, Giancarlo Massimi, e del segretario del Circolo PD di Sabaudia, Luca Mignacca.

“Il gruppo consiliare del PD coadiuvato da altri gruppi della minoranza, in sede di discussione e approvazione del Bilancio di Previsione 2023 aveva contestato all’Amministrazione guidata dal Sindaco Mosca che le spese di spedizione degli avvisi di pagamento Tari trovano, a norma di legge, allocazione nell’articolazione tariffaria e pertanto nel PEF tra i cosiddetti oneri amministrativi e non possono essere addebitati agli utenti extra sistema tariffario. Anche perchè in questo modo si verificherebbe un doppio addebito.

A tal fine, il Partito Democratico presentò un emendamento che fu bocciato dalla maggioranza poco avvezza al confronto politico-amministrativo. Ricordiamo bene il saccente intervento del Caposettore Finanziario, Rag. Vitelli, che in aula consiliare bollò come giuridicamente infondato il rilievo mosso dalla minoranza. Al Gruppo del Partito Democratico non restò da fare altro che segnalare la irregolarità all’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente.

E nella giornata di ieri è arrivata la risposta della competente Autorità Prot. SPCEN/P20230150535/2023 (per il tramite dello sportello del consumatore) che bacchetta l’Amministrazione Mosca chiarendo che è irregolare l’addebito extra tariffario dei costi di spedizione degli degli avvisi di pagamento Tari deliberato dal Comune. Tali importi, come dichiara l’Autorità sono già ricompresi nell’articolazione tariffaria e pertanto nel Piano Economico Finanziario (PEF) tra i cosiddetti oneri amministrativi e non possono, quindi, essere nuovamente posti a carico degli utenti. Pena il doppio addebito, appunto.

Con buona pace del Capo Settore Finanziario, Rag. Vitelli, e dall’Amministrazione Mosca”.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.