Si svolgeranno a Scauri le finali nazionali di sand basket, una disciplina sportiva in piena crescita

130

Si svolgeranno sulla spiaggia di Scauri – frazione balneare nel comune di Minturno – le finali nazionali di sand basket il 2-3-4 settembre 2022, dopo lo svolgimento delle tappe intermedie in tante località della penisola. Il sand basket è uno sport di squadra, in cui due squadre giocano l’una contro l’altra e cercano di segnare più canestri possibili. Come accennato in precedenza, è una derivazione del classico sport della pallacanestro ma è giocato sulla sabbia; non esiste il palleggio (viene completamente abolito) ma sono consentiti massimo 3 passi obbligatoriamente consecutivi con la palla tra le mani (altrimenti viene sanzionata l’infrazione), dopo di che bisogna provvedere al passaggio o al tiro. Si gioca su di un campo rettangolare, lungo 20 metri e largo 10, circondato da una zona libera dalle linee laterali e di fondocampo per almeno 1 metro. Tenendo conto dello sforzo supplementare richiesto per saltare e correre su una superficie sabbiosa, nonché per favorire una maggiore spettacolarizzazione delle “schiacciate”, il canestro è posto ad un’altezza di 2,80 metri; per il MINI- SAND BASKET (pensato per bambini/e dai 5 agli 11 anni) l’altezza è di 2,40 metri. Le squadre sono formate da 4 giocatori in campo e 4/6 giocatori in panchina. Per il SAND BASKET, i tempi di gioco sono quattro di 7 minuti ciascuno, mentre per il MINI- SAND BASKET i minuti sono 5. Il tempo si ferma solo in occasione di fallo, tiro libero o time-out e non per le rimesse. Nel SAND BASKET non esiste la linea dei 3 punti, quindi ogni canestro vale 2 punti e il tiro libero 1 punto.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteProroga della concessione occupazione del suolo pubblico, il centrodestra: «Nostro senso di responsabilità indispensabile per indirizzare l’azione amministrativa»
Articolo successivoGuerra in Ucraina, Giani: “Siamo pronti ad accogliere i profughi”
Paolo Iannuccelli è nato a Correggio, provincia di Reggio Emilia, il 2 ottobre 1953, risiede a Nettuno, dopo aver vissuto per oltre cinquant'anni a Latina. Attualmente si occupa di editoria, comunicazione e sport. Una parte fondamentale e importante della sua vita è dedicata allo sport, nelle vesti di atleta, allenatore, dirigente, giornalista, organizzatore, promoter, consulente, nella pallacanestro. In carriera ha vinto sette campionati da coach, sette da presidente. Ha svolto attività di volontariato in strutture ospitanti persone in difficoltà, cercando di aiutare sempre deboli e oppressi. É membro del Panathlon Club International, del Lions Club Terre Pontine e della Unione Nazionale Veterani dello Sport. Nel basket è stato allievo di Asa Nikolic, il più grande allenatore europeo di tutti i tempi. Nel giornalismo sportivo è stato seguito da Aldo Giordani, storico telecronista Rai, fondatore e direttore della rivista Superbasket. Attualmente è presidente della Associazione Basket Latina 1968. Ha collaborato con testate giornalistiche locali e nazionali, pubblicato libri tecnici di basket e di storia, costumi e tradizioni locali Ama profondamente Latina e Ponza, la patria del cuore.