Tamponamento fra un Freccia Rossa e un Regionale sulla Bologna-Rimini. Solo17 feriti lievi. Due indagini sulle cause

105

(Ravenna), 10 dicembre 2023 – Solo tanta paura. E’ stato un tamponamento tra treni a provocare un incidente ferroviario  che, per fortuna, non ha avuto conseguenze tragiche, in provincia di Ravenna. Si sono scontrati, a bassa velocità, due treni che stavano andando nella stessa direzione – un Freccia Rossa 1000 e un regionale – lungo la linea ferroviaria Bologna-Rimini, nel territorio di Faenza. Ci sono stati 17 feriti lievi (tra cui uno dei due macchinisti) e la circolazione che è tuttora sospesa tra Castelbolognese e Forlì. I feriti hanno riportato perlopiù delle contusioni, solo una persona è dovuta ricorrere alle cure del Pronto Soccorso. L’impatto, avvenuto intorno alle 20.20, e la dinamica esatta dell’incidente sono in corso di ricostruzione da parte di Trenitalia e dei Vigili del fuoco, che sono intervenuti con squadre da Ravenna e da Forlì.
La dinamica dell’incidente è ancora da chiarire, ma si sa che l’impatto è avvenuto a velocità non elevata tra il treno regionale 1742 Pesaro-Bologna e il Frecciarossa 8828 Lecce-Venezia. Evidentemente qualcosa è andato storto nelle comunicazioni e il treno che seguiva ha urtato quello che precedeva (la direzione era verso nord, cioè verso Bologna). Si suppone, ma anche questo aspetto dovrà essere appurato nelle indagini sulle cause dell’incidente, che il macchinista si sia accorto dell’ostacolo lungo i binari e, viste anche le conseguenze per personale e passeggeri, la velocità sia stata molto bassa. Sono state effettuate operazioni di trasbordo dei passeggeri su altri treni affinché potessero arrivare a destinazione.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteTivoli : L’Ospedale resterà chiuso a lungo. La Regione ha un piano alternativo. La procura vuole chiarire 3 punti
Articolo successivoLucia Rubedo ed il suo “Canto”: meraviglia e stupore