Ancora insieme per i piccoli ricoverati in pediatria a Livorno

con la partecipazione di alcuni rappresentanti della Pielle Livorno Basket

74

LIVORNO – Ormai da anni è un appuntamento fisso, quello con il sorriso sincero e commovente dei bambini ricoverati nel reparto pediatrico di Livorno.

Il primario, dott. Roberto Danieli, la responsabile infermieristica, Elena Wüst, e il personale sanitario del reparto, lo scorso 27 marzo hanno accolto la squadra che ha organizza abitualmente l’evento (lovino Paolo con la moglie Irene Pazzagli ed il famoso comandante Alfa, ex cofondatore e parte integrante del GIS dei Carabinieri)

Come di consueto, hanno nuovamente fatto visita al reparto pediatrico di Livorno per consegnare Uova Pasquali ai piccoli ricoverati nel reparto pediatrico.

Il vero nutrimento della squadra sono il Sorriso e la Gioia che i bambini trasmettono anche solo con lo sguardo, che riempie i cuori e l’anima di energia, che serve per continuare ad infondergli forza ed aiutarli ad affrontare cure invasive, spesso frequenti già in tenera età.

Insieme alla squadra, questa volta, hanno partecipato il presidente della Pielle Livorno basket, Francesco Farneti, Renzo Nista, sponsor e sostenitore della Pielle Livorno e amico del comandante Alfa, e le giocatrici della squadra Pielle femminile Marta Castiglione e Lisa Cecconi, ed una vecchia amicizia familiare di Iovino Paolo, Stella L’Erede contribuendo alla donazione di uova pasquali.

Un affettuoso ringraziamento alla famiglia Fioravanti per i peluches donati, e alla “Lavanderia Scotto” sempre pronta e disponibile a provvedere ad igienizzare il materiale destinato ai piccoli.

Non resta che inviare un augurio di buona Pasqua a tutti i bambini, alle loro famiglie, a tutto il personale del reparto ed ai partecipanti all’evento.

 


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.