Borgo Sabotino, il museo del Procojo è ancora chiuso

78

Andando a Borgo Sabotino ho cercato di visitare il Procojo un vecchia industria per produrre latte di bufale utilizzato fin dagli anni settanta per ospitare eventi di ogni tipo, un posto ideale per meeting. Era desolatamente chiuso, nonostante un evidente segnale turistico lo indicasse ai passanti. Un vero peccato, si tratta di un posto da visitare attentamente e con curiosità. L’Antiquarium comunale è stato istituito in quella sede nel 1997 con reperti donati da privati, è una antica struttura proto-industriale ottocentesca per la lavorazione del latte. La scelta di utilizzare il Procojo per ospitare l’Antiquarium, esprime la volontà di collegare momenti della storia del territorio pontino, ripercorrendone la trasformazione. L’edificio è di grande interesse, si trova accanto a strutture storiche come il Ponte dei Genovesi e la Torre di Foce Verde, in mostra l’uso del territorio relativo ai collegamenti, alla difesa, alla produzione. I reperti archeologici esposti nell’Antiquarium sono stati rinvenuti nel territorio circostante e in particolare durante i lavori di bonifica. La preistoria, la protostoria, l’età arcaica e l’età romana rappresentano le tappe di un racconto che giunge fino alla Bonifica. Presenti preziosi reperti archeologici marini a cura di Angelino Silvestri che merita un plauso per la sua invidiabile opera di ricerca, un uomo che ha dedicato la vita all’archeologia subacquea con ottimi risultati, impegno e conoscenze.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteLa Virtus Basket Aprilia impegnata nel basket a favore degli anziani residenti a Villa Silvana
Articolo successivoBlitz del Nas in un panificio, sequestrati 3 quintali di alimenti
Paolo Iannuccelli è nato a Correggio, provincia di Reggio Emilia, il 2 ottobre 1953, risiede a Nettuno, dopo aver vissuto per oltre cinquant'anni a Latina. Attualmente si occupa di editoria, comunicazione e sport. Una parte fondamentale e importante della sua vita è dedicata allo sport, nelle vesti di atleta, allenatore, dirigente, giornalista, organizzatore, promoter, consulente, nella pallacanestro. In carriera ha vinto sette campionati da coach, sette da presidente. Ha svolto attività di volontariato in strutture ospitanti persone in difficoltà, cercando di aiutare sempre deboli e oppressi. É membro del Panathlon Club International, del Lions Club Terre Pontine e della Unione Nazionale Veterani dello Sport. Nel basket è stato allievo di Asa Nikolic, il più grande allenatore europeo di tutti i tempi. Nel giornalismo sportivo è stato seguito da Aldo Giordani, storico telecronista Rai, fondatore e direttore della rivista Superbasket. Attualmente è presidente della Associazione Basket Latina 1968. Ha collaborato con testate giornalistiche locali e nazionali, pubblicato libri tecnici di basket e di storia, costumi e tradizioni locali Ama profondamente Latina e Ponza, la patria del cuore.