LATINA – Interessante retroscena svelato dall’autore del libro “E così che si uccide“, Mirko Zilahy, originario di Latina al pari del Professore della Sapienza, Giulio Vasaturo, che ha sbloccato in lui la scintilla per redigere tale testo.

Quando ho iniziato a immaginare i meccanismi investigativi per “È così che si uccide” ho studiato manuali, trattati, volumi di Scienze Comportamentali, scene del crimine e omicidi seriali (Picozzi, Lucarelli, Douglas e altri meno noti)” scrive l’autore Zilahy in un post su Facebook: “Il click però è arrivato grazie al Prof Giulio Vasaturo, docente di Antropologia Criminale presso la Facoltà di Giurisprudenza della “Sapienza” di Roma e di Criminologia presso la Scuola Superiore della Polizia di Stato. Lui mi ha spiegato dinamiche investigative, lo sguardo sulla SDC e mi ha raccontato risvolti incredibili su casi contemporanei”.

Il romanzo scritto da Zilahy, pubblicato nel 2016 da Longanesi, è un thriller italiano che ha conquistato gli editori internazionali prima dell’uscita: “non è soltanto un esordio travolgente, scritto con maestria inedita, ma è una sfida irresistibile, che avvolge il lettore nell’incantesimo della più pura tensione narrativa“, come si legge nella prefazione del libro dell’autore latinense.

 


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.