Il Comitato Gemellaggi della Città di Sabaudia ha il suo nuovo Presidente nella persona di Michelangelo Crispi, ispettore della Guardia di Finanza e vice presidente della Federazione italiana Canottaggio. Un atleta dal prestigioso passato agonistico e un dirigente sportivo dal radioso futuro. 

Ieri pomeriggio, a Palazzo Comunale, la consegna dell’atto di nomina da parte del sindaco Alberto Mosca, alla presenza dei componenti il Comitato Gemellaggi, del vice sindaco Giovanni Secci, del consigliere delegato al ramo, Luciano Colantone, e del consigliere Giovanni Pietro Fogli.

“La scelta di Michelangelo Crispi è stata dettata dai requisiti pienamente aderenti al ruolo da svolgere. Mi riferisco alla conoscenza delle lingue e ai contesti internazionali che frequenta per motivi professionali. Crispi per un periodo è stato anche inserito in organismi che hanno svolto attività di coordinamento ancorché nel settore sportivo, ma sempre a livello internazionale e attualmente è vice presidente della Federazione Italiana Canottaggio,  di un organismo, quindi, che per sua natura ha una proiezione anche all’estero. Dopo avere vagliato tutte le candidature e i requisiti ho convintamente fatto cadere la scelta su Crispi al quale consegno l’atto di nomina e me ne congratulo”.

Così il sindaco Mosca nel corso della cerimonia di conferimento.

“Sono onorato e molto entusiasta di avere ricevuto questa nomina e mi auguro di iniziare subito a lavorare insieme a voi. Già il Sindaco ci ha dato delle linee guida importanti. Ringrazio pubblicamente i consiglieri Giovanni Pietro Fogli e Luciano Colantone. Ci impegneremo a dare il massimo. Grazie ancora a tutti per la fiducia”.

Il commento del neo presidente del Comitato Gemellaggi, Michelangelo Crispi, subito dopo avere ricevuto l’atto di nomina dal primo cittadino.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.