Un Caso di Omonimia ci ha ingannato, chiediamo scusa

389

LATINA- Non è sufficiente essere sicuri di una notizia, pur essendo stata confermata da più fonti: Francesco Santangelo, dipendente della procura, arrestato ieri dai carabinieri, nell’operazione “Scarabeo”, non è il figlio di Alfredo Santangelo, che fu procuratore capo di Latina. Si tratta di un’omonimia, che ci ha ingannati circa le fonti in nostro possesso e nel ricordo. La famiglia Santangelo resta limpida nella sua integrità morale, così come nel ricordo resta indelebile la figura di Alfredo Santangelo, già procuratore capo della Repubblica , all’inizio della mia professione di giornalista.
E’ doveroso chiedere scusa : la famiglia Santangelo non ha nulla a che fare con la persona arrestata ieri, Francesco Santangelo. Nulla ha a che vedere con il compianto Nando Cappelletti, alla cui famiglia rinnoviamo la nostra stima e il nostro apprezzamento.
Pertanto ci scusiamo con la famiglia Santangelo, relativamente a quanto scritto, rimosso in ottemperanza alla deontologia professionale.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteLuciano Vassallo. Un eroe dimenticato del calcio africano
Articolo successivoRoccagorga. L’aggiornamento Casi Covid del sindaco Nancy Piccaro
Per oltre 30 anni la voce di Radio Rai e Rai Tre in provincia di Latina, ho seguito i maggiori eventi che hanno interessato il nostro territorio. Oggi una nuova esperienza con News-24.it di cui ho assunto la direzione, aiutando con la mia esperienza e la mia passione un gruppo di giovani talenti della comunicazione on line a crescere e ad affermarsi.