Un Caso di Omonimia ci ha ingannato, chiediamo scusa

437

LATINA- Non è sufficiente essere sicuri di una notizia, pur essendo stata confermata da più fonti: Francesco Santangelo, dipendente della procura, arrestato ieri dai carabinieri, nell’operazione “Scarabeo”, non è il figlio di Alfredo Santangelo, che fu procuratore capo di Latina. Si tratta di un’omonimia, che ci ha ingannati circa le fonti in nostro possesso e nel ricordo. La famiglia Santangelo resta limpida nella sua integrità morale, così come nel ricordo resta indelebile la figura di Alfredo Santangelo, già procuratore capo della Repubblica , all’inizio della mia professione di giornalista.
E’ doveroso chiedere scusa : la famiglia Santangelo non ha nulla a che fare con la persona arrestata ieri, Francesco Santangelo. Nulla ha a che vedere con il compianto Nando Cappelletti, alla cui famiglia rinnoviamo la nostra stima e il nostro apprezzamento.
Pertanto ci scusiamo con la famiglia Santangelo, relativamente a quanto scritto, rimosso in ottemperanza alla deontologia professionale.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.