Ursula von der der Leyen a maggio sull’isola di Ventotene

43

Ursula von der Leyen, Presidente della Commissione europea dal 1° dicembre 2019, assegnataria per quest’anno del Premio la Chiave d’Europa, organizzato dal Comune di Ventotene in collaborazione con l’associazione “Nuova Europa”, sarà sull’isola per la cerimonia di premiazione durante le giornate del Ventotene Europa Festival del 7 ,8 e 9 maggio 2021.
La notizia dell’accettazione del Premio da parte di Ursula von der Leyen era stata data nel settembre scorso dal sindaco Santomauro (da il faroonline.it del 27 settembre 2020: “Ursula von der Leyen presto a Ventotene”, la promessa della maggioranza)
A Ursula von der Leyen il Premio la Chiave D’Europa
Per aver contribuito concretamente alla diffusione dei valori solidali nell’Unione Europea con il varo del Next Generation Eu per superare la crisi pandemica in tutto il continente. Con queste motivazioni l’associazione La Nuova Europa, d’intesa con il Comune di Ventotene, ha conferito alla Presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen il Premio La Chiave d’Europa.
La cerimonia ufficiale della premiazione avverrà durante le giornate del Ventotene Europa Festival (7, 8 e 9 maggio 2021) organizzato a Ventotene, isola del Manifesto federalista, dalla Nuova Europa.
La Presidente von der Leyen ha accettato con grande piacere il Premio, simbolo ideale di un’Europa che non si piega alle difficoltà della pandemia. Il riconoscimento, che si inserisce tra le altre iniziative della Nuova Europa, tra cui la sua Scuola d’Europa da essa fondata a Ventotene, viene assegnato ogni anno a personalità che si sono particolarmente spese per la diffusione dei valori solidali europei.
Il Premio La Chiave d’Europa, in collaborazione con il Comune di Ventotene, è stato conferito precedentemente a Emmanuel Macron (2018) e David Sassoli (2019) e nella sua prima edizione a Roberto Sommella, presidente della Nuova Europa (2017) all’atto del conferimento della cittadinanza onoraria di Ventotene.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.




Articolo precedenteTito Zaniboni, la storia dell’attentatore al duce confinato a Ponza
Articolo successivo” IL Doppio Canale ” di Antonio Pennacchi
Paolo Iannuccelli
Paolo Iannuccelli è nato a Correggio, provincia di Reggio Emilia, il 2 ottobre 1953, risiede a Nettuno, dopo aver vissuto per oltre cinquant'anni a Latina. Attualmente si occupa di editoria, comunicazione e sport. Una parte fondamentale e importante della sua vita è dedicata allo sport, nelle vesti di atleta, allenatore, dirigente, giornalista, organizzatore, promoter, consulente, nella pallacanestro. In carriera ha vinto sette campionati da coach, sette da presidente. Ha svolto attività di volontariato in strutture ospitanti persone in difficoltà, cercando di aiutare sempre deboli e oppressi. É membro del Panathlon Club International, del Lions Club Terre Pontine e della Unione Nazionale Veterani dello Sport. Nel basket è stato allievo di Asa Nikolic, il più grande allenatore europeo di tutti i tempi. Nel giornalismo sportivo è stato seguito da Aldo Giordani, storico telecronista Rai, fondatore e direttore della rivista Superbasket. Attualmente è presidente della Associazione Basket Latina 1968. Ha collaborato con testate giornalistiche locali e nazionali, pubblicato libri tecnici di basket e di storia, costumi e tradizioni locali Ama profondamente Latina e Ponza, la patria del cuore.