Atletica Leggera, Luigi D’Onofrio si è dimesso da direttore del Golden Gala

38

Il Golden Gala senza la presenza e la direzione di D’Onofrio. La “rivoluzione” del nuovo presidente della Fidal Stefano Mei (sono parole del Corriere della Sera) scatterà proprio dall’evento simbolo dell’atletica italiana.
Cambierà il patron, per 27 anni consecutivi è sempre stato il terracinese doc Luigi D’Onofrio. D’Onofrio si è distinto nella sua lunga carriere di atleta come uno dei migliori italiani nella specialità dei 110 ostacoli, nell’epoca d’oro della regina degli sporti. “Gigino” ha ricoperto per tanto tempo anche la carica di presidente del Basket Terracina che con lui alla guida ha raggiunto traguardi importanti, arrivando in serie C e con un ottimo settore giovanile. Il motivo, secondo l’ex-organizzatore dell’evento, è che con lui il neo-presidente si sarebbe fatto sentire solo la scorsa settimana con un incarico a tempo. Ecco le sue parole al quotidiano di via Solferino: «Ex patron, prego. Ho avuto il piacere di sentire il nuovo presidente per la prima volta solo la settimana scorsa: mi ha proposto di restare in servizio fino al giorno del meeting. Proposta irricevibile, offensiva. Con così poco tempo disponibile, non so come faranno a tenere in piedi una manifestazione che il mondo ci invidia».
Tangibile il livore che traspare dalle sue parole. D’Onofrio si era apertamente schierato con il gruppo Insieme per l’Atletica di cui risulta anche fondatore. Difficile non vedere dunque una piccola resa dei conti. Ecco la versione di Mei:«Sono a Roma dal 1° febbraio, non ho mai avuto il piacere di ricevere visite o telefonate da D’Onofrio. L’ho convocato io, gli ho proposto di restare fino al 3o giugno per poi discutere del futuro. A me non ha ancora risposto, a voi sì: ne prendo atto».


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.





Articolo precedenteVittoria della Benacquista Assicurazioni Latina Basket sul campo della Tramec Cento con il risultato di 67-70.
Articolo successivoSermoneta. Bando per l’affidamento in concessione dell’ostello San Nicola
Paolo Iannuccelli
Paolo Iannuccelli è nato a Correggio, provincia di Reggio Emilia, il 2 ottobre 1953, risiede a Nettuno, dopo aver vissuto per oltre cinquant'anni a Latina. Attualmente si occupa di editoria, comunicazione e sport. Una parte fondamentale e importante della sua vita è dedicata allo sport, nelle vesti di atleta, allenatore, dirigente, giornalista, organizzatore, promoter, consulente, nella pallacanestro. In carriera ha vinto sette campionati da coach, sette da presidente. Ha svolto attività di volontariato in strutture ospitanti persone in difficoltà, cercando di aiutare sempre deboli e oppressi. É membro del Panathlon Club International, del Lions Club Terre Pontine e della Unione Nazionale Veterani dello Sport. Nel basket è stato allievo di Asa Nikolic, il più grande allenatore europeo di tutti i tempi. Nel giornalismo sportivo è stato seguito da Aldo Giordani, storico telecronista Rai, fondatore e direttore della rivista Superbasket. Attualmente è presidente della Associazione Basket Latina 1968. Ha collaborato con testate giornalistiche locali e nazionali, pubblicato libri tecnici di basket e di storia, costumi e tradizioni locali Ama profondamente Latina e Ponza, la patria del cuore.