” Che Coglionata la Guerra “

69


[…] < Ricordati Barbara/ Ricordati quel giorno ad ogni costo/ Non lo dimenticare/ Un uomo s’era rifugiato sotto un portico/ E ha gridato il tuo nome/Barbara/E sei corsa verso di lui sotto la pioggia/Grondante rapita rasserenata/ E ti sei gettata tra le sue braccia/ Ricordati questo Barbara/ E non mi rimproverare di darti del tu/ Io dico tu a tutti quelli che amo/ Anche se una sola volta li ho veduti/ Io dico sì a tutti quelli che si amano/ Anche se non li conosco/[…] Oh Barbara/ Che coglionata la guerra/ Che ne è di te ora/Sotto questa pioggia di ferro/ Di fuoco d’acciaio di sangue/ E l’uomo che ti stringeva tra le braccia/Amorosamente/ E’ morto disperso o è ancora vivo/ Oh Barbara/Piove senza sosta su Brest/ /Come pioveva allora/ Ma non è più la stessa cosa e tutto è crollato/ E’ una pioggia di lutti terribili e desolata/ Non c’è nemmeno più la tempesta/Di ferro d’acciaio e di sangue/Soltanto di nuvole/Che crepano come cani/Come i cani che spariscono/Sul filo dell’acqua a Brest/ E vanno a imputridire lontano/Lontano molto lontano da Brest/ Dove non vi è più nulla>.
(Jacques Prévert, Barbara)


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedentePalazzo ” M ” KulturKampft per Latina
Articolo successivoInveste 12enne che attraversa sulle strisce per andare a scuola e si allontana senza fermarsi a prestare soccorso