SEZZE – Difficoltà nel contattare l’avvocato degli occupanti, di cui uno ai domiciliari proprio nell’appartamento in cui si sono stabiliti

Sono attesi nei prossimi giorni provvedimenti da parte della Procura della Repubblica in merito alle minacce arrivate a due fratelli di Sezze residenti altrove, dopo essersi accorti che una loro proprietà priva di utenze in via Petrara era stata occupata abusivamente da due fratelli di origine romena. L’avvocato che difende gli interessi dei due fratelli, Rina Gandolfi, ha incontrato alcune difficoltà nel rintracciare il collega che difende i due occupanti, uno dei quali in particolare ha ricevuto una misura restrittiva di custodia domiciliare a seguito di una sentenza di Corte d’Appello del Tribunale di Roma.

Nei giorni scorsi uno dei proprietari, trovandosi a passare per il comune setino, ha notato un insolito via vai di persone nei pressi dell’abitazione. E’ stata sporta denuncia ai militari dell’arma dei Carabinieri presso la locale stazione. Dopo i dovuti accertamenti, i militari hanno chiarito che l’abitazione era stata indebitamente occupata da due fratelli di origine romena senza alcun atto abitativo in loro possesso, provvedendo a ripristinare abusivamente anche l’allaccio alla rete idrica ed energetica. Indispettiti dalla denuncia ai loro danni, gli occupanti hanno addirittura chiamato i proprietari minacciandoli di distruggere l’abitazione e minacciando la loro incolumità fisica. A quel punto, l’avvocato che si interessa del caso dei due fratelli setini non ha potuto far altro che appellarsi alla Procura della Repubblica sperando in un loro provvedimento di sgombero forzoso.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.