Personaggi, l’ex cestista di Scauri Michele Camerota è il console d’Italia a Erbil

260

Un personaggio cresciuto nel mondo sportivo alla ribalta. La carriera del diplomatico scaurese Michele Camerota continua in modo ragguardevole. Da settembre è Console d’Italia ad Erbil, capitale della regione autonoma del Kurdistan iracheno. Michele ha lasciato Asmara – capitale dell’Eritrea – dove ha svolto un eccellente lavoro, scrivendo tra l’altro un libro sui sacrari militari italiani nell’ex colonia dell’Africa Orientale. Molte famiglie sono entrate in possesso di una documentazione che cercavano dalla fine della seconda guerra mondiale. In precedenze aveva ricoperto l’incarico di console a Basilea. Una sfida importante a livello professionale e personale, la Farnesina ha dimostrato grande fiducia in Camerota nel rappresentare al meglio il nostro Paese in un contesto complesso come quello del Kurdistan iracheno. Il console Michele Camerota è stato destinato in una città tra le più antiche del mondo, con una storia affascinante. La famiglia Camerota è tra le più note nel territorio aurunco, Elio ha ricoperto la carica di primo cittadino di Minturno. Un legame profondo ha sempre legato tutti i Camerota al basket, sport popolarissimo da quelle parti con la squadra scaurese che ottenuto ottimi risultati in serie B. Michele ha giocatro nelle fila del Basket Scauri, insieme ai suoi fratelli, per approdare poi al Basket Ponza vincitrice del campionato di Promozione nel 2002, promossa in serie D.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteLa Regione stanzia 240 milioni per le persone con disabilità gravissime
Articolo successivoAssegnati a Latina i prestigiosi premi Panathlon International per il 2021
Paolo Iannuccelli è nato a Correggio, provincia di Reggio Emilia, il 2 ottobre 1953, risiede a Nettuno, dopo aver vissuto per oltre cinquant'anni a Latina. Attualmente si occupa di editoria, comunicazione e sport. Una parte fondamentale e importante della sua vita è dedicata allo sport, nelle vesti di atleta, allenatore, dirigente, giornalista, organizzatore, promoter, consulente, nella pallacanestro. In carriera ha vinto sette campionati da coach, sette da presidente. Ha svolto attività di volontariato in strutture ospitanti persone in difficoltà, cercando di aiutare sempre deboli e oppressi. É membro del Panathlon Club International, del Lions Club Terre Pontine e della Unione Nazionale Veterani dello Sport. Nel basket è stato allievo di Asa Nikolic, il più grande allenatore europeo di tutti i tempi. Nel giornalismo sportivo è stato seguito da Aldo Giordani, storico telecronista Rai, fondatore e direttore della rivista Superbasket. Attualmente è presidente della Associazione Basket Latina 1968. Ha collaborato con testate giornalistiche locali e nazionali, pubblicato libri tecnici di basket e di storia, costumi e tradizioni locali Ama profondamente Latina e Ponza, la patria del cuore.