Rider Esselunga si ribalta a Lari per l’alluvione: 24 ore di sciopero

"Sicurezza prima del profitto" la protesta dei lavoratori

847

LARI (PI) – Un rider dell’Esselunga si è salvato per miracolo da una frana causata dall’alluvione durante una consegna ieri alle 18 in via Rimembranza nei pressi di Lari. Il suo camion si è ribaltato in un fosso ed è stata solo la sua prontezza di riflessi che gli ha permesso di salvarsi la vita mentre i datori di lavoro nonostante le terribili condizioni meteo lo invitavano a proseguire. Il rider ha inviato ripetute richieste via messaggio all’azienda in cui comunicava di non sentirsi sicuro ma le consegne andavano portate a termine: “Dobbiamo finire delle consegne poi ti veniamo a prendere” è stata la risposta dei responsabili. Passeranno 4 ore prima che ciò avvenga e il rider resterà solo tutto questo tempo in una situazione di estremo pericolo sotto la pioggia. Immediato il passaparola tra i lavoratori e il giorno dopo scatta lo sciopero. Dalle ore 7 di ieri i driver si sono radunati per un picchetto davanti ai cancelli dell’azienda e hanno incrociato le braccia per tutta la giornata. L’azienda è la Deliverit in appalto a Italtrans che a sua volta lavora in subappalto a Esselunga. “Sicurezza prima del profitto” è la richiesta dei lavoratori, la protesta si è prolungata per tutta la giornata lavorativa e i rappresentanti Usb sono soddisfatti per l’altissima adesione allo sciopero. I datori di lavoro dal canto loro fanno sapere di aver considerato la questione ma niente è stato messo per iscritto riguardo la causa delle assenze e la sicurezza dei lavoratori che non hanno potuto effettuare le consegne a causa del maltempo. Stesse dinamiche di criticità per il maltempo vengono riportate dai lavoratori in difficoltà per le consegne nelle colline di Montenero e tra Livorno e Pisa.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteMigliaia di euro già raccolti per la famiglia di Mirko, morto in un tragico incidente stradale
Articolo successivoLavoro, infortuni e malattie nel Lazio fino a settembre 2023: il commento dell’UGL Lazio
Divento giornalista pubblicista nel 2012 lavorando per Il Tirreno per quattro anni e mezzo nella redazione della cronaca di Livorno, in seguito faccio varie esperienze personali sempre volte ad accrescere la mia esperienza professionale. Ho collaborato con più di un giornale on line, guidandone alcuni, ho lavorato come addetto stampa nel campo della politica, dello sport e dello spettacolo, attualmente affianco la professione giornalistica a quella di scrittore.