A Navacchio Open Day Agri per la protesta di Riscatto Agricolo

Il presidio è iniziato il 30 gennaio

131

NAVACCHIO (PI) – Oggi il presidio a Navacchio degli agricoltori in protesta di Riscatto Agricolo Pisa si è trasformato in “Open Day Agri”, un’offerta di prodotti tipici e locali per la degustazione per sensibilizzare e informare i cittadini sulla protesta in corso da 5 giorni. Gli agricoltori provenienti da tutta la provincia pisana sono in protesta senza sosta dal 30 gennaio e hanno rallentato il traffico e creato disagi con 150 trattori schierati lungo la Fi-Pi-Li nella mattina di martedì per raggiungere il concentramento.

Riscatto Agricolo è un coordinamento nato poche settimane fa e si sta unendo alle proteste degli altri agricoltori italiani ed europei di Spagna, Francia, Belgio, Olanda, Portogallo e Grecia contro le nuove direttive Pac (Politica Comune Agricola) stabilite dall’Unione Europea. Gli agricoltori chiedono al Governo di trattare con Bruxelles per cambiare le norme varate che favoriscono l’importazione di prodotti da paesi extraeuropei tra cui l’Ucraina e il Sud America, attraverso accordi internazionali. Inoltre gli agricoltori criticano nel pacchetto delle nuove norme, anche il divieto di coltivare il 4 per cento del territorio e l’abolizione degli sconti sul carburante. Difesa della biodiversità e dei prodotti tipici, difesa dei redditi e dei prezzi, salvaguardia dai prodotti esteri che possono essere stati trattati con agenti chimici nocivi, sono queste le linee del movimento in Italia, mentre nel resto d’Europa e in Francia soprattutto, il movimento ha raggiunto i 15 giorni di durata e si sta radicalizzando nonostante la deroga ottenuta due giorni fa dalla Francia sulle importazioni di zucchero, uova e pollame dall’Ucraina. Il coordinamento Riscatto Agricolo è un movimento nazionale nato poche settimane fa.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedentePrima danza poi pensa – Alla ricerca di Beckett, nell’attesa che arrivi “Godot”
Articolo successivoIl Livorno asfalta il Ghiviborgo 4-1, la vetta è solo a 6 punti nonostante gli innumerevoli errori
Divento giornalista pubblicista nel 2012 lavorando per Il Tirreno per quattro anni e mezzo nella redazione della cronaca di Livorno, in seguito faccio varie esperienze personali sempre volte ad accrescere la mia esperienza professionale. Ho collaborato con più di un giornale on line, guidandone alcuni, ho lavorato come addetto stampa nel campo della politica, dello sport e dello spettacolo, attualmente affianco la professione giornalistica a quella di scrittore.