Latina di una volta, in tanti ricordano le nozze della cantante Mina con il giornalista pontino Virgilio Crocco

641

Sono in tantI a Latina a ricordare la presenza nella sua abitazione di Corso della Repubblica 197 – il palazzo Ina di fronte la farmacia San Marco – di Virgilio Crocco, il marito della cantante Mina, la più amata dagli italiani. Quando sulla bacheca posizionata all’ingresso dell cattedrale di San Marco apparvero nel 1971 le pubblicazioni di nozze il gossip si sviluppò immediatamente in città, specialmente nel centro storico. Non si parlava d’altro vista la notorietà e fama del personaggio dello spettacolo. Crocco era da tempo residente nel capoluogo pontino con la sua famiglia, molto laboriosa ed apprezzata dai numerosi condomini. Crocco – nato a Roma nel 1940 – è venuto a mancare a La Crosse nel 1973, un celebre giornalista esperto di cronaca nera, scriveva per il quotidiano capitolino Il Messaggero. Ogni mattina si recava allo Scalo ferroviario del capoluogo pontino per prendere il treno per Roma, tornando a tarda ora visto il suo delicato lavoro. Il il matrimonio con la cantante Mina fu celebrato il 25 febbraio 1970. I due sono convolati a nozze con una cerimonia celebrata a Trevignano. Il matrimonio della cantante fu un grande evento mediatico, così d’impatto da mettere in secondo piano il Festival di Sanremo che in quei giorni si stava svolgendo.Dalla storia d’amore tra Mina e Virgilio Crocco l’anno dopo le nozze è nata Benedetta, oggi attrice e conduttrice radiofonica. Il matrimonio tra la cantante e il giornalista non è durato tanto: già al momento della nascita della figlia, venuta al mondo a Milano l’11 novembre 1971, i due si erano già lasciati.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteBoxe, la pontina Alessia Mesiano conquista la medaglia di bronzo ai campionati mondiali di Istanbul
Articolo successivoBasket serie D laziale: va a gara-3 il Sermoneta, eliminato il Cisterna nei quarti di finale playoff
Paolo Iannuccelli è nato a Correggio, provincia di Reggio Emilia, il 2 ottobre 1953, risiede a Nettuno, dopo aver vissuto per oltre cinquant'anni a Latina. Attualmente si occupa di editoria, comunicazione e sport. Una parte fondamentale e importante della sua vita è dedicata allo sport, nelle vesti di atleta, allenatore, dirigente, giornalista, organizzatore, promoter, consulente, nella pallacanestro. In carriera ha vinto sette campionati da coach, sette da presidente. Ha svolto attività di volontariato in strutture ospitanti persone in difficoltà, cercando di aiutare sempre deboli e oppressi. É membro del Panathlon Club International, del Lions Club Terre Pontine e della Unione Nazionale Veterani dello Sport. Nel basket è stato allievo di Asa Nikolic, il più grande allenatore europeo di tutti i tempi. Nel giornalismo sportivo è stato seguito da Aldo Giordani, storico telecronista Rai, fondatore e direttore della rivista Superbasket. Attualmente è presidente della Associazione Basket Latina 1968. Ha collaborato con testate giornalistiche locali e nazionali, pubblicato libri tecnici di basket e di storia, costumi e tradizioni locali Ama profondamente Latina e Ponza, la patria del cuore.