Arrivano i nuovi cassonetti per la differenziata in centro e in Venezia

In vigore dal 6 marzo la nuova modalità di raccolta

88

LIVORNO – “Livorno non è una città sporca, è una città che viene sporcata in alcune zone e viene puntualmente pulita, le città sporche sono altre – commenta il sindaco Luca Salvetti – in questi cinque anni con il risanamento di Aamps entrata e in RetiAmbiente, la regolarizzazione dei lavoratori, la tariffazione puntuale e la modifica dei cassonetti e della modalità di raccolta, abbiamo fatto tutto. A questo va affiancato un salto culturale da parte del cittadino per poter chiudere il cerchio e fare della nostra città una città degna di essere una comunità civile”. Arriva una nuova soluzione da parte dell’amministrazione per l’annosa problematica della raccolta rifiuti nel centro cittadino e soprattutto in Venezia, protagonista di numerose diatribe riguardo al porta a porta, il sistema di raccolta della differenziata, il decoro pubblico, i doveri e i diritti dei residenti.

Ecco i nuovi contenitori “intelligenti” per la raccolta differenziata che il Comune di Livorno collocherà a partire dal 6 marzo sulle suddette zone. Oltre ai nuovi contenitori per i residenti c’è la novità del Centro Ambientale Mobile per il conferimento dei rifiuti ingombranti. I nuovi contenitori saranno dotati anche di “foto trappole” per contrastare il non rispetto della differenziata, telecamere che, si sottolinea a Palazzo Comunale, possono essere usate anche a fini legali per attività di controllo sulla sicurezza. Novità anche sui mezzi addetti al recupero dei rifiuti che saranno dotati di gru elevatrici in grado di superare eventuali mezzi parcheggiati davanti ai cassonetti. Alla conferenza stampa di presentazione del nuovo progetto hanno partecipato oltre al sindaco Luca Salvetti e all’assessora all’ambiente Giovanna Cepparello, l’amministratore delegato di Aamps Raphael Rossi e Raffaele Allessandri, direttore generale Aamps.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedente“Memorie Visive”, l’emozionante viaggio nei Siti Archeologici di Formia
Articolo successivoLatina ha un nuovo strumento urbanistico grazie alla Regione
Divento giornalista pubblicista nel 2012 lavorando per Il Tirreno per quattro anni e mezzo nella redazione della cronaca di Livorno, in seguito faccio varie esperienze personali sempre volte ad accrescere la mia esperienza professionale. Ho collaborato con più di un giornale on line, guidandone alcuni, ho lavorato come addetto stampa nel campo della politica, dello sport e dello spettacolo, attualmente affianco la professione giornalistica a quella di scrittore.